forex-trading-is.com


Forex strutturato


Il mercato valutario Forex è stato formato nel 1971 e fino all'inizio degli anni '90 non era accessibile a tutti. Le opportunità di mercato erano utilizzate attivamente solo da grandi investitori, come banche, fondi, società finanziarie, poiché il livello di ingresso nel mercato era molto alto, le somme degli investimenti necessari potevano raggiungere i dieci milioni di dollari. Il successivo sviluppo del mercato, compreso il trading su Internet, ha permesso a molti intermediari di cambio che hanno iniziato ad attrarre attivamente investitori privati ​​per il commercio, offrendo loro termini e condizioni interessanti.

Di conseguenza, il moderno mercato Forex combina grandi partecipanti (aziende) e investitori al dettaglio (individui). In generale, qualsiasi volontario che abbia l'obiettivo di trarre profitto dal commercio di valuta può diventare un partecipante di questo mercato globale. Tutti i partecipanti al mercato valutario sono divisi in due grandi gruppi: quelli che “fanno” il mercato e quelli che ne sfruttano le opportunità.

A “fare” il mercato sono innanzitutto le banche commerciali che quotidianamente effettuano numerose operazioni di cambio valuta sia per sé che per i propri clienti. Gli accordi conclusi da queste organizzazioni possono essere privati ​​(in questo caso due parti concordano sull'accordo). Un altro tipo di accordi sono le operazioni effettuate tramite reti di valuta elettronica (ECN), che rappresentano un'intera rete di grandi banche commerciali. All'interno di tali operazioni una banca colloca in questa sede di negoziazione virtuale un ordine di acquisto o vendita di valuta e il sistema trova automaticamente un venditore o un acquirente per l'ordine effettuato, un'altra banca nella rete.

Il primo gruppo di partecipanti al mercato Forex comprende anche banche centrali di diversi paesi. A differenza delle banche commerciali il cui obiettivo principale è ottenere profitto, le banche centrali sono orientate ad altre priorità: in particolare, mantenere il tasso di cambio nazionale al livello necessario per la salute dell'economia.

Essendo grandi partecipanti al mercato Forex, le banche centrali e commerciali formano attivamente questo mercato, fornendo le proprie quotazioni. Questo gruppo è solitamente chiamato market-maker.

Il secondo gruppo di partecipanti al mercato Forex è costituito da organizzazioni e individui che non sono in grado di formare il mercato, ma che quindi utilizzano attivamente le sue opportunità facendo affari a tassi di cambio già noti.

Questo gruppo comprende fondi di investimento internazionali, società commerciali transnazionali (esportatori e importatori) e, ovviamente, investitori privati.

Il commercio sul Forex viene effettuato 24 ore su 24, tuttavia in diverse ore del giorno diverse regioni sono più attive e alcune valute sono più liquide, il che dipende dai fusi orari. In modo condizionale, il commercio Forex è diviso in sessioni di scambio Asia Pacifico, Europa e America: queste sono le regioni in cui i centri commerciali vengono spostati quando la giornata lavorativa in una regione è completata. Il Greenwich Mean Time (GMT), in base al quale vive uno dei più grandi centri finanziari mondiali, Londra, è tradizionalmente preso come punto di riferimento. Inoltre, ci sono altri fusi orari che vengono utilizzati principalmente: Eastern Standard Time (EST, ora di New York), Central European Time (CET).

Per prima cosa il mercato viene aperto dalla regione Asia-Pacifico - mentre l'Europa sta dormendo, Nuova Zelanda, Australia e poi Giappone, Singapore e Hong Kong iniziano il commercio attivo - è ovvio che la più alta liquidità si vede nelle coppie di valute, comprese le valute nazionali di questi paesi. Quindi il commercio viene spostato senza problemi in Europa, quindi la stragrande maggioranza degli accordi viene effettuata con valute europee. L'America termina il ciclo commerciale e il fatturato più alto in questo periodo della sessione Forex è registrato in dollari USA e valute nazionali dei paesi con cui gli Stati Uniti intrattengono relazioni commerciali attive. A parte questo, proprio durante la sessione del commercio americano si verificano significative variazioni dei tassi di cambio, poiché in questo periodo vengono pubblicati i dati economici degli Stati Uniti e la loro valuta ha posizioni chiave nel mercato finanziario mondiale.


Mercati finanziari accessibili del mondo


Lo sviluppo tecnologico ha avuto un'influenza diretta sui cambiamenti nell'attività di investimento. Negli ultimi decenni c'è stata una crescita costante dell'interesse per gli investimenti nei mercati finanziari mondiali e, di conseguenza, il trading su Internet è in forte espansione.

Fin dall'inizio della loro esistenza, i mercati finanziari hanno attratto gli investitori desiderosi di aumentare il proprio capitale. L'importanza dei mercati dei capitali è difficile da sopravvalutare poiché a causa di essi avviene il movimento e la riallocazione delle risorse tra diversi paesi, settori economici e imprese.

I mercati finanziari sono necessari per il funzionamento del sistema di produzione e commercio mondiale. Tradizionalmente si distinguono 3 grandi segmenti di mercato: cambio di valuta Forex e anche borse e borse di merci.

I beni del mercato Forex sono denaro. Qui vengono scambiate varie coppie di valute: altamente liquide e non. Tuttavia, in generale, questo mercato è liquido, cioè ci sono sempre acquirenti e venditori e c'è sempre domanda e offerta per gli articoli commerciali. Le attività del mercato azionario sono titoli e diversi tipi di essi, dalle azioni ai vaglia cambiari. Nel mercato delle materie prime vengono negoziati strumenti finanziari derivati, compresi i contratti futures. Qui puoi vendere e acquistare vari beni: petrolio e gas, cereali e caffè, carne e zucchero.

La divisione in segmenti è abbastanza condizionale: sono interconnessi in un sistema finanziario coerente e se alcuni cambiamenti avvengono su un mercato, si riflette anche su ciò che sta accadendo in un altro segmento. Supponiamo che un disastro naturale abbia causato la depressione della resa del grano: è seguito dall'aumento dei prezzi di questi beni, le azioni delle società che lavorano in questo campo crescono e, di conseguenza, anche i tassi di cambio cambiano.

Inoltre, i mercati finanziari sono suddivisi in mercati di cambio e mercati over-the-counter (OTC). Il mercato dei cambi implica l'esistenza di un determinato luogo (borsa) in cui vengono effettuate le negoziazioni e le negoziazioni sono effettuate in conformità con le regole e le normative di questa borsa. Alcune delle più grandi borse del mondo sono NYSE (Borsa di New York) e AMEX (Borsa americana). Il commercio di titoli e strumenti finanziari derivati ​​viene solitamente effettuato sui mercati dei cambi.

Il mercato over-the-counter (OTC) non ha un indirizzo preciso: un esempio particolare di questo tipo di mercato è il mercato valutario interbancario Forex che funziona 24 ore su 24 e supera i mercati dei cambi nel suo volume.

Ciascuno dei tipi di mercato quotato ha i suoi vantaggi per un trader: ad esempio, i mercati dei cambi sono più organizzati, i processi in corso sono trasparenti ei prezzi degli strumenti finanziari sono gli stessi in tutto il mondo. A loro volta, i mercati OTC implicano elevata liquidità, accessibilità 24 ore su 24 e basso livello di ingresso.

I principali partecipanti ai mercati finanziari sono banche centrali di diversi paesi, fondi finanziari e di investimento, banche commerciali e società di intermediazione, oltre a speculatori e hedger.

Il principio del lavoro degli speculatori (trader) su diversi mercati finanziari è identico: il profitto viene realizzato sulla differenza di prezzo, sia che si tratti della differenza dei tassi di cambio, sia della differenza tra i prezzi di acquisto e di vendita di contratti futures o azioni. Esiste un'altra strategia per aumentare il capitale: investimenti di portafoglio, in cui un investitore investe in potenziali attività il cui prezzo aumenta successivamente.

Un indubbio vantaggio dei mercati finanziari è il fatto che i trader non sono limitati nella loro attività: qui puoi operare vari volumi di investimenti, quindi anche i volumi di profitto potenziale non sono limitati.

Il processo di negoziazione è semplificato al massimo: per accedere alle negoziazioni è necessario solo un intermediario - una società di brokeraggio, un computer con un programma appositamente installato - piattaforma di trading e accesso a Internet.


Speculazioni valutarie


Il mercato Forex è il più grande mercato finanziario popolare nella sfera dei trader. Alcuni dei suoi vantaggi sono il funzionamento 24 ore su 24, il basso livello di entrata, la rapidità nel concludere accordi e, naturalmente, l'elevata liquidità.

L'oggetto di vendita su questo mercato interbancario sono le valute. Il Forex è stato formato nel 1971 quando i tassi di cambio valutari fissi sono stati cambiati in quelli fluttuanti.

L'algoritmo di scambio sul Forex è semplice: comprare e vendere valute e ottenere profitti sulla differenza di tassi. Sia gli investimenti a breve che quelli a lungo termine possono essere effettuati sul mercato valutario.

I partecipanti al mercato valutario sono entità cosiddette "primarie" - importatori ed esportatori e secondari - banche commerciali, società multinazionali, fondi di investimento e pensione, nonché società di intermediazione e negoziazione.

I movimenti sul mercato valutario sono generalmente formati dai cosiddetti market maker, che possono essere banche centrali e commerciali di diversi paesi. Le banche formano il mercato fornendo le loro quotazioni per i tassi di cambio.

Il principale strumento commerciale del mercato è la coppia di valute; i tassi riflettono il prezzo della valuta di base che è espresso in unità della valuta di quotazione. Poiché la quotazione dei tassi di cambio viene effettuata da due lati, ciò si riflette nei prezzi Bid (acquisto) e Ask (vendita). La differenza tra Ask e Bid si chiama spread: è qui che le banche commerciali e le società di intermediazione traggono profitto.

La maggior parte delle operazioni nel Forex vengono effettuate con il dollaro USA, poiché questa è la principale valuta mondiale. Le altre valute popolari per gli affari speculativi sono l'euro, lo yen, il franco svizzero e la sterlina britannica.

In caso di tasso variabile, il tasso di cambio è determinato in conformità con la legge della domanda e dell'offerta. Molti fattori influenzano il cambiamento del tasso di cambio: profitto di un determinato paese, potere d'acquisto, inflazione e tassi di interesse e anche fiducia in una determinata valuta nel mercato mondiale.

Nonostante il Forex operi 24 ore su 24, in diversi momenti della giornata diverse coppie di valute possono essere più o meno liquide. Ad esempio, prima dell'inizio della sessione commerciale americana (7.00 EST), le valute più liquide sono il dollaro USA, lo yen e la sterlina britannica. La sessione commerciale europea è l'ideale per il trading a breve termine.

È ovvio per un trader esperto che il trading di successo sul mercato valutario richiede uno studio adeguato delle sue leggi di funzionamento. Certamente è importante sapere chi sono i partecipanti di mercato più significativi in ​​grado di formare movimenti nel mercato, dove trovare una società di brokeraggio che fornirà tutto il necessario per iniziare l'attività di trading nel Forex, e quali criteri questa società dovrebbe soddisfare. Non è meno importante scegliere tra la varietà di strumenti di trading quello più adatto e rilevare il momento in cui concludere un affare può essere efficace e redditizio. Non dimenticare che il trading non dovrebbe essere basato sull'intuizione, ma su un'analisi dettagliata del mercato e degli eventi che potenzialmente potrebbero influenzare i tassi di cambio.


Sfera dei titoli


I titoli sono beni del mercato azionario. Acquistando le azioni di una determinata società, l'investitore diventa il suo comproprietario e può rivendicare i dividendi - la sua quota di profitto dal profitto della società. Oltre a ciò, gli investitori possono svolgere attività di negoziazione di titoli, acquistandoli e vendendoli a condizioni favorevoli sul mercato, e quindi trarre profitto dalla differenza di prezzo delle azioni.

Il mercato azionario è diviso in titoli primari e mercato secondario dei titoli. Il mercato primario dei titoli è il mercato IPO in cui vengono collocati i titoli appena emessi dalle società. I principali partecipanti a questo mercato sono grandi società, istituzioni governative, fondi finanziari e di investimento, fondi pensione e investitori privati. Sul mercato secondario si svolge il commercio attivo: i titoli vengono venduti e acquistati qui decine e centinaia di volte. Il mercato secondario dei titoli può essere sia mercato di borsa che over-the-counter (OTC): sul primo vengono scambiate solo azioni di società e istituti quotati in borsa. Le tre maggiori borse del mondo sono la Borsa di New York, la Borsa di Tokyo e il NASDAQ.

Tutti gli altri titoli, non quotati nelle grandi borse, vengono venduti e acquistati sul mercato over-the-counter (OTC) e circolano liberamente. Di conseguenza, il commercio di borsa implica il rispetto delle regole della borsa su cui sono quotati questi strumenti finanziari, mentre i prezzi sul mercato dei titoli OTC dipendono dai risultati delle negoziazioni dei partecipanti all'operazione. Gli strumenti finanziari del mercato OTC sono azioni di piccole società operanti in diversi settori tradizionali, titoli di società che hanno iniziato lo sviluppo di nuovi settori e hanno potenzialità di crescita e sviluppo, ed anche titoli di Stato.

I tipi principali e ben noti di titoli sono azioni e obbligazioni, sebbene a parte questi sostituti di azioni siano negoziati in borsa - ad esempio, futures e stock option, e anche cambiali, assegni, certificati di deposito, ecc. il fatturato principale ricade su azioni e obbligazioni.

Il nome "quota" riflette pienamente l'essenza di questo strumento finanziario, in quanto un'azione conferisce al suo proprietario il diritto di ottenere una quota di profitto dal profitto totale della società di cui possiede le azioni.

Di norma, si distinguono due tipi di azioni: azioni ordinarie e azioni privilegiate. Le azioni ordinarie danno al loro proprietario il diritto di voto alle assemblee degli azionisti e significano che l'azionista è un comproprietario della società, inoltre, il titolare di tali azioni può ottenere un profitto sulla differenza di prezzo delle azioni. Un detentore di azioni privilegiate può considerare di ottenere dividendi e anche scambiarli, sebbene le azioni privilegiate abbiano una liquidità inferiore rispetto alle azioni ordinarie.

Prima che le azioni fossero emesse su carta e fossero conservate dagli azionisti delle società. Oggigiorno tali azioni quasi non esistono, una quota moderna non è altro che un record in database speciali - i registri degli azionisti. Se un investitore acquisisce una quota, questa sicurezza viene accreditata sul suo conto nel deposito, se la vende - il record viene cancellato dall'account.

L'altro tipo popolare di titoli sono le obbligazioni. Un'obbligazione è un obbligo della parte che ha emesso questa garanzia di pagare alla parte che ha acquistato l'obbligazione non solo il suo costo, ma anche un interesse di tale costo durante un certo periodo di tempo. In borsa le obbligazioni vengono negoziate non in valuta, ma in percentuale del valore nominale, poiché il (nominale) di questo titolo è sempre noto.

Il prezzo di sicurezza è il prezzo al quale viene venduto. Il prezzo dipende dal profitto che porta e si forma nel momento in cui il venditore e l'acquirente fanno un accordo.

In borsa si distinguono diversi tipi di operazioni finanziarie. Innanzitutto, si tratta dei cosiddetti contratti spot: vengono regolati immediatamente dopo l'accordo e implicano un pagamento tempestivo. Un secondo tipo di operazioni finanziarie sono le operazioni a termine che sono analogiche alle operazioni nel mercato delle materie prime. Le operazioni di arbitraggio si basano sulla negoziazione di titoli tra borse valori in caso di differenza nei prezzi dei titoli. Un altro tipo di operazioni - block trade - implica la negoziazione di grandi volumi di titoli.


Come leggere i grafici Forex


È necessaria la padronanza delle competenze di base per lavorare sul Forex, in particolare la capacità di leggere i grafici e interpretarli correttamente.

Per prima cosa rivediamo la conoscenza di base sul trading che è direttamente collegata alla capacità di leggere i grafici. Ogni coppia di valute viene sempre quotata allo stesso modo. Ad esempio, la coppia EUR / USD è sempre indicata così, e significa che EUR è la valuta di base e USD è la valuta di quotazione e non può essere diversamente. Ecco perché quando un grafico di questa coppia mostra le fluttuazioni del prezzo corrente a 1.2155, ciò significa che 1 euro verrà acquistato per 1.2155 dollari americani.

Il tuo volume di trading è l'importo della valuta di base che stai scambiando e se vuoi acquistare 100.000 EUR / USD, in realtà acquisti 100.000 euro.

Segnaliamo i momenti più importanti per un grafico Forex:

Se acquisti una coppia di valute e apri una posizione lunga, dovresti capire che una linea crescente sul grafico che indica questa coppia mostra il livello di profitto. In questo caso la valuta di base si rafforza rispetto alla valuta quotata. D'altra parte, se vendi una coppia di valute in una posizione corta e il grafico mostra un calo, allora, di conseguenza, è anche il livello del tuo potenziale profitto. In questo caso il prezzo della valuta di base diminuisce rispetto alla valuta di quotazione. Controlla sempre il periodo di tempo impostato. Numerosi sistemi di trading utilizzano periodi di tempo diversi per definire il punto di ingresso. Ad esempio, un sistema può utilizzare grafici di 4 ore o 30 minuti per rilevare l'andamento generale di una coppia di valute con l'uso di indicatori come MACD, Momentum o con l'aiuto di linee di supporto e resistenza.

Assicurati che il grafico che hai aperto mostri il periodo di tempo corretto che è necessario per la tua analisi.

Nella maggior parte dei grafici il prezzo Bid viene mostrato più spesso di Ask. Ricorda che entrambi questi prezzi sono sempre presenti sul mercato. Ad esempio, il prezzo corrente della coppia EUR / USD può essere sui livelli di offerta di 1,2055 e di domanda di 1,2058. Quando compri, lo fai al prezzo richiesto, che è sempre più alto dell'altro. E quando vendi, lo fai al prezzo di offerta, che è inferiore al primo.

Considera inoltre che in molti terminali di trading, quando imposti ordini stop (buy, se il prezzo supera un certo, specificato, o sell, quando il prezzo scende al di sotto di quello impostato), puoi scegliere stop sia in caso di bid che ask .

Non dimenticare che l'ora mostrata nella parte inferiore del grafico mostra l'ora in un determinato fuso orario - ad esempio, può essere GMT o ora di New York. Questo fattore viene preso in considerazione nel trading Forex ed è particolarmente importante se un trader utilizza attivamente l'analisi fondamentale e, di conseguenza, si orienta sui dati pubblicati regolarmente.

Tutti i fattori sopra menzionati sono necessari per la corretta lettura dei grafici. Questo ti aiuterà a evitare di commettere errori comuni ai principianti che lavorano con i grafici.


La tua coppia ideale


È risaputo che il commercio nel mercato Forex è fatto con denaro. Quindi il denaro qui è sia merce che mezzo di pagamento, quindi il principale strumento commerciale sul mercato è la coppia di valute.

Una questione piuttosto vitale per i trader è la scelta di una coppia di valute per il commercio.

Un codice di 3 lettere latine viene utilizzato per la notazione delle valute - di solito le prime due lettere stanno per il paese di origine della valuta e l'ultima - per la prima lettera del nome della valuta (USD, dove USA - Stati Uniti, D - dollaro).

Poiché il commercio sul Forex viene sempre effettuato in coppie di valute, la notazione di uno strumento finanziario completo consiste in due designazioni in codice delle valute divise con una barra, ad esempio EUR / USD. La prima valuta è la base, la seconda è la valuta quotata. Le operazioni vengono eseguite con la valuta di base il cui prezzo è misurato in valuta quotata. In altre parole, nella coppia USD / JPY un trader acquista o vende dollari per yen giapponesi.

Ci sono coppie di valute più popolari il cui volume di scambi è molto alto nel mercato Forex: si tratta, in particolare, di EUR / USD, USD / CHF, GBP / USD e USD / JPY.

Ogni coppia di valute ha le sue caratteristiche che un trader deve conoscere per portare avanti un commercio efficace. La coppia EUR / USD è la più scambiata tra i trader principianti e professionisti. Per un commercio sicuro con questa coppia, un trader dovrebbe tenere traccia di ciò che sta accadendo nella vita politica ed economica dell'Europa e dell'America.

USD / JPY è il secondo per popolarità, il commercio di questa coppia è particolarmente attivo durante la sessione di scambi dell'Asia Pacifico. La coppia GBP / USD occupa il terzo posto: questo strumento può essere abbastanza difficile per i principianti, poiché i movimenti volatili incontrollati sono comuni per esso.

Le coppie USD / CHF e GBP / USD sono considerate le più basse in liquidità. Così, ad esempio, la bassa liquidità della coppia USD / CHF è piuttosto interessante per gli hedge fund e anche per i trader il cui obiettivo è ottenere il massimo profitto in un breve periodo di tempo.

Non esiste una risposta universale alla domanda: quale coppia di valute dovrebbe essere scelta per il commercio? Tuttavia, è noto che la scelta ottimale per un trader è la coppia per la quale può prevedere i movimenti. Si consiglia ai principianti di scegliere prima la loro strategia di trading, quindi scegliere una coppia di valute considerando la specificità della strategia, la volatilità e il tempo delle sessioni di trading.

La volatilità è le fluttuazioni del prezzo della coppia di valute in un certo periodo di tempo. Le coppie di valute hanno diversi livelli di volatilità: ad esempio, GBP / JPY e GBP / USD sono coppie con un'elevata volatilità per le quali i salti di prezzo sono comuni, quindi il trading in esse è consigliato a professionisti o speculatori che hanno una strategia speciale su misura per improvvise variazioni di prezzo. Le coppie con la volatilità più bassa sono EUR / CHF e EUR / GBP.


Suggerimenti grafici e matematici


Al fine di aumentare l'efficacia della loro attività finanziaria, i trader esperti utilizzano ampiamente l'analisi di mercato. Esistono due tipi di analisi: in primo luogo fondamentale, basata sulla correlazione di diversi fattori economici, e in secondo luogo tecnica, che studia il comportamento dei prezzi nel passato per prevederne il cambiamento in futuro.

L'analisi tecnica è molto più popolare nella sfera dei trader che fondamentale, per farlo non devi essere un esperto di scienze economiche e seguire gli eventi che accadono nelle economie e nella politica del mondo. Per eseguire l'analisi tecnica sono necessari solo i dati storici dei prezzi per un determinato strumento finanziario e tali dati, nonché i mezzi per creare i grafici necessari, sono disponibili in qualsiasi terminale commerciale.

L'analisi tecnica, a sua volta, si divide in due sottotipi. Ad esempio, il sottotipo grafico si basa sull'analisi dei grafici dei prezzi per un certo intervallo di tempo.

Nell'analisi grafica, i prezzi possono essere riflessi in diversi modi. I comuni sono mezzi di riflessione come: barre, linee, candelabri giapponesi, Renko, Kagi e Point and Figure (X_O).

Parte integrante del metodo grafico di analisi dei prezzi è l'analisi dei trend, in cui viene rilevata la direzione del trend insieme al suo ciclo di vita. Tradizionalmente distinguono trend a breve termine (durata - 1 giorno-3 mesi), medio termine (3 mesi-1 anno) e lungo termine (oltre 1 anno). Il rilevamento delle tendenze e il monitoraggio del loro ciclo di vita sono importanti per concludere accordi redditizi. È risaputo che non devi necessariamente colpire l'inizio di una tendenza - più importante è la sua metà, che è un intervallo di tempo molto più redditizio per il trader.

All'inizio di una tendenza, la quantità di offerte aumenta ei prezzi cambiano in media da 1/4 a 1/3 delle fluttuazioni totali. A metà del ciclo di vita del trend si verifica una recessione nel commercio: in questo momento si nota una grande quantità di speculatori sul mercato e alla fine del periodo i tassi diminuiscono, anche fino al livello iniziale. Alla fine del ciclo di vita del trend la quantità di offerte diminuisce, ma il prezzo non cambia drasticamente. I professionisti raccomandano di fare affari a lungo termine durante il secondo periodo del ciclo di vita che tocca anche la prima metà dell'ultimo periodo del ciclo di vita.

Il metodo matematico dell'analisi tecnica è l'analisi del computer in cui gli indicatori e gli oscillatori svolgono il ruolo principale. Di norma, un terminal commerciale ha una serie standard di indicatori comuni. Ma ci sono anche mezzi che consentono a un trader di creare i propri indicatori che definiscono i parametri necessari.

A cosa servono gli indicatori? Con il loro aiuto è possibile rilevare le tendenze del mercato e segnalare i momenti di cambiamento delle tendenze. Tuttavia, i trader sanno che a volte l'utilizzo di indicatori diversi porta a un'immagine abbastanza contraddittoria e mostra segnali sbagliati. Ecco perché alcuni gruppi di indicatori vengono tradizionalmente utilizzati in caso di tendenza nel mercato e altri - in condizioni piatte. Non esiste un cosiddetto indicatore “assoluto” su cui fare affidamento in qualsiasi situazione di mercato. La funzione principale degli oscillatori è produrre segnali sul cambiamento della direzione del mercato.

Per un lavoro efficace si consiglia sempre di utilizzare indicatori e oscillatori di gruppi diversi, combinandoli in modo tale da aiutare a livellare le loro possibili caratteristiche negative.

Distinguono 3 gruppi di indicatori e oscillatori: quelli di tendenza, con cui lavorare in presenza di un trend nel mercato (media mobile, buste, MACD, bande di Bollinger, stop parabolico e inversione - SAR, indicatori +/- DM, Indicatore ADX); quelli piatti, che aiutano a lavorare in assenza di un andamento del mercato (oscillatori stocastici, CCI, RSI, istogrammi MACD); indicatori di volume, analizzando le dinamiche di variazione del volume.


Cerca punti di entrata e di uscita ottimali sul mercato Forex


Quando i principianti iniziano a fare trading sul mercato valutario Forex e ottengono le prime perdite e il primo profitto, iniziano a capire l'importanza di alcune componenti nel trading. In particolare, definire il cosiddetto punto di ingresso - il momento giusto per entrare nel mercato e iniziare a fare affari.

È altrettanto importante non solo essere in grado di ridurre i rischi di potenziali perdite utilizzando ordini di stop loss, ma anche per far fronte all'avidità e prendere profitto quando è possibile e il più in alto possibile. Esistono numerosi consigli e metodi ben noti per definire il momento giusto per entrare nel mercato - ad esempio, è possibile orientarsi sulle principali notizie economiche ed eventi globali, combinare indicatori tecnici, ecc. Tuttavia, sostanzialmente il momento di ingresso nel mercato può variare , e un trader può decidere di perdere momenti favorevoli per l'ingresso, ma questa opzionalità, rilevante per l'ingresso nel mercato, diventa critica quando è necessario chiudere una posizione ed uscire dal mercato. La natura marginale del trading moderno rende impossibile aspettare troppo a lungo i cambiamenti e rimanere nel mercato con una posizione aperta. Inoltre,

Scegliere un punto di uscita ottimale dal mercato e chiudere le posizioni potrebbe essere un compito abbastanza facile, se il Forex non fosse così caotico e volatile. Secondo l'opinione dei trader esperti, gli ordini di chiusura per ciascuna posizione dovrebbero essere costantemente rivisti con il momento della nuova emissione di dati di mercato (sia di tipo fondamentale che tecnico).

Facciamo un esempio: apri una posizione corta nella coppia EUR / USD a 1.2563, il livello di supporto / resistenza allo stesso tempo è 1.2500 / 1.2620. Si imposta un ordine di stop loss a 1.2625 e un ordine take profit a 1.2505. Questa è una posizione giornaliera o, facoltativamente, può essere mantenuta per 2-3 giorni. Questo significa che dovresti chiuderlo prima della scadenza, altrimenti diventerà imprevedibile, poiché il mercato non si ferma e la situazione può cambiare drasticamente rispetto a quella che era quando hai aperto la posizione. Poiché la posizione è aperta e gli ordini sono impostati, è necessario tenere d'occhio il mercato e gli eventi che si verificano in esso e utilizzare anche indicatori tecnici per regolare gli ordini impostati. Alcuni trader, ad esempio, preferiscono aprire posizioni medie (lunghezza - 2-4 giorni) e cercano di abbassare l'ordine di stop loss di 10-25 pip ogni giorno. Allo stesso tempo, i trader stanno monitorando le notizie e abbassano il livello di stop loss nel caso in cui gli eventi attuali possano potenzialmente avere un'influenza negativa sulla posizione aperta. Se il livello di profitto è già abbastanza alto, i trader esperti cercano di spostare lo stop loss al punto di apertura per cambiare la posizione da potenzialmente redditizia a veramente redditizia. L'obiettivo principale del trader in questo caso è trovare l'equilibrio tra avidità e cautela. Se la tua posizione rimane aperta sempre più a lungo, il livello di profitto dovrebbe essere più limitato e le perdite ridotte. Anche un trader dovrebbe sempre ricordare che se si verificano movimenti improvvisi nel mercato, una maggiore cautela con l'ordine di chiusura sarà utile per uno speculatore, anche se la posizione sta ancora mostrando profitto.

Non c'è dubbio che ogni trader ha la sua strategia e le sue abitudini. Oggigiorno le persone in generale sono sempre più interessate a investire i propri fondi allo scopo di un loro rapido aumento. L'unico problema è che non molte persone sono in grado di far fronte ai rischi di investimento - ecco perché alcuni di loro usano solo i servizi bancari, dove sebbene i loro capitali aumentino, ma molto lentamente. Ma se vuoi una crescita davvero significativa degli investimenti, dovrai assumerti dei rischi. Il rischio è un compagno costante di chi sogna di ottenere profitti rapidi ed enormi.


Come scegliere un sistema di trading appropriato


Uno dei componenti più importanti su cui vale la pena pensare prima di iniziare a fare trading sul Forex è scegliere un buon sistema di trading. Tutti i sistemi Forex sono diversi in una serie di parametri, quindi è essenziale per un trader trovare il proprio ottimale prima di iniziare a lavorare sul mercato, spendendo tempo e investendo denaro.

Vogliamo tutti trovare un sistema del genere che sia abbastanza redditizio proprio per noi (considerando che ognuno ha la propria definizione di "redditività") e adatto a noi dal punto di vista del trading quotidiano (ciò significa la possibilità di fare trading senza stress con un tale sistema).
Pertanto, dovremmo scegliere un sistema di scambio basato su alcuni principi importanti e dandoci la garanzia che otterremo più vantaggi che delusioni dal commercio su Internet.
Durante la ricerca di un sistema Forex, è necessario considerare quanto segue:

1. La redditività del sistema è indicata sia in pips al mese che nell'equivalente in dollari del conto. Nella maggior parte dei casi il profitto viene mostrato in pip al mese e questo metodo è il più popolare rispetto ai diversi sistemi di trading.
Tuttavia con questo approccio dovresti stare attento, perché il valore nominale in cui viene effettuato il trading sul Forex dipenderà dal livello di rischio per ogni operazione, che dipende, a sua volta, dall'intervallo di stop loss stabilito in questo sistema, se un modello di rischio fisso.

2. Drawdown massimo storico del sistema.
Può essere indicato in pips o in rapporto percentuale. Il massimo drawdown storico del sistema è il livello del drawdown più significativo avvenuto in passato durante il test del sistema di trading o lavorando in condizioni reali. I dati di prelievo possono essere utilizzati per confrontare i sistemi di trading, ma puoi anche utilizzare il prelievo per scoprire l'importo di riserva necessario per iniziare a lavorare con questo sistema.

3. Correlazione di profitti e perdite.
Si tratta di un importo medio dei guadagni rispetto alle perdite subite nel processo di negoziazione. Alto rapporto significa affidabilità del sistema, tuttavia i dati devono essere sempre considerati e confrontati in correlazione (profitto / perdita).

4. Un elevato rapporto di correlazione profitti / perdite è un bonus per un sistema di trading che dimostra che il sistema può essere accettabile da una prospettiva di trading psicologicamente confortevole.

Idealmente questo rapporto dovrebbe essere 2, 3 o più, in modo che un trader sia sicuro che il sistema sia davvero potenzialmente redditizio e non sia in equilibrio al confine tra possibili profitti e perdite.

5. Logicità e coerenza del sistema.
Se riesci a trovare un sistema altamente redditizio con un livello di prelievo ragionevole e inoltre questo sistema è coerente, allora hai trovato quello ideale. Ma puoi anche accettare un sistema che dimostri un prelievo leggermente più alto e una consistenza leggermente inferiore, a condizione che la sua redditività rimanga su un livello elevato. Assicurati di controllare l'efficienza del sistema lavorando sui dati storici: i risultati mensili, trimestrali e annuali possono mostrare molto sul sistema.

6. La quantità giornaliera di tempo dedicata al trading.
Alcuni sistemi sono progettati solo per intervalli di 15 minuti 4 volte al giorno, altri per poche ore. Alcuni sistemi operano solo in un determinato momento, ad esempio al momento di importanti notizie economiche e versioni in anteprima. Pertanto, sei informato in anticipo quando dovresti essere davanti al computer.


Gradi di psicologia del trading


Quando si tratta di trading su Internet, uno dei fatti più ignorati è la psicologia del trading. La maggior parte dei trader trascorre giorni, mesi e persino anni, cercando di trovare una strategia di trading ottimale per se stessi. Tuttavia, una strategia di trading fa parte del gioco. Sicuramente questa è una delle parti più importanti, ma non è meno importante avere un piano di gestione del denaro e realizzare tutte le barriere psicologiche che possono influenzare il processo di trading. Il successo nell'attività chiamata trading su Internet sta nel trovare un ragionevole equilibrio tra tutti questi aspetti.

Nelle condizioni di mercato, quando si verifica una perdita, qual è il primo pensiero che ti viene in mente? Molto probabilmente pensi: "Forse qualcosa non va nel mio sistema di trading", o "Sapevo che non avrei dovuto fare trading in quel momento" (anche se il tuo sistema stava dando segnali di un'operazione potenzialmente redditizia). Ma a volte dobbiamo analizzare più a fondo la natura del nostro errore per essere in grado di evitare tali errori in futuro, in base ai risultati.

Nel trading sul mercato Forex, e anche su qualsiasi altro mercato finanziario, esistono statistiche, secondo le quali solo il 5% dei trader raggiunge i propri obiettivi e ottiene profitti stabili. Il fatto più interessante è che c'è solo una piccola differenza tra questi trader e tutti gli altri. Questo 5% prende in considerazione i propri errori e li tratta come qualcosa da imparare, stimano anche i piccoli errori come una lezione inestimabile. Gli errori per loro sono un incentivo a migliorare il loro processo di trading, renderlo migliore ogni volta che segue. Alla fine questa piccola differenza per i trader tra successo e fallimento diventa un'enorme differenza.

La maggior parte di noi mette in correlazione gli errori commessi con i risultati delle operazioni (per quanto riguarda il denaro). Ma la verità è che si commettono errori quando alcune raccomandazioni del mercato non vengono seguite, quando vengono violate le regole di trading. Vediamo i seguenti possibili scenari di mercato:

Scenario uno: il sistema dà un segnale al commercio

1. Il segnale viene preso e la situazione del mercato promette di ottenere profitti. Risultato di negoziazione: positivo, correlato al profitto. Lezioni apprese: dovresti seguire il sistema di trading ei suoi segnali, perché così, in base alle possibilità date, è possibile ottenere profitto. La garanzia in questo è confermata dal risultato delle negoziazioni connesse al sistema di negoziazione e dai suoi vantaggi. Errori commessi: nessuno.

2. Il segnale viene preso e la situazione del mercato mostra la possibilità di subire perdite. Risultato del trading: negativo, perdite di denaro. Lezioni apprese: è impossibile ottenere un profitto dopo ogni segnale di trading, il trading in perdita è parte integrante del business. Nonostante le perdite, il trader è orgoglioso di aver seguito il suo sistema di trading. Errori commessi: nessuno.

3. Il segnale viene ricevuto, ma non preso, quindi la situazione del mercato promette di ottenere profitto. Risultato del trading: neutro. Lezioni apprese: delusione, il trader inizia a pensare che ogni sessione di trading sia potenzialmente in perdita ed è quasi impossibile ottenere profitti. Di conseguenza, il trader perde fiducia in se stesso. Errori commessi: ignorare i segnali di trading ricevuti dal sistema.

4. Il segnale viene ricevuto, ma non preso, quindi il trading è potenzialmente in perdita. Risultato del trading: neutro. Lezioni apprese: il trader inizia a pensare: "Sono in grado di lavorare in modo più produttivo del mio sistema". Anche senza pensarci consapevolmente, il trader cercherà di migliorare il sistema e analizzare ogni segnale ricevuto da esso, perché inconsciamente presume di essere in grado di fare molto di più del suo sistema. Sulla base di questa garanzia, il trader cerca di superare in astuzia il sistema. Un tale errore, di regola, porta a effetti disastrosi sulla nostra fiducia nel sistema commerciale. La fiducia nella nostra stessa stima si trasforma in arroganza. Errori commessi: nonostante la presenza di un segnale di trading, si è deciso di non fare trading.

Scenario due: il sistema non dà un segnale al commercio

1. Il trader rimane fuori dal mercato. Risultato del trading: neutro. Lezioni apprese: osservare la disciplina dà risultati, si comprende che si dovrebbe iniziare a lavorare solo se esistono buone potenziali opportunità e il sistema fornisce segnali rilevanti. Il trader mantiene la fiducia in se stesso e nel sistema di trading che utilizza. Errori commessi: nessuno.

2. Il trader inizia a fare trading poiché la situazione del mercato mostra un potenziale profitto. Risultato del trading: positivo, guadagno. Lezioni apprese: questo errore ha una grande influenza sullo stesso trader, sul suo sistema e sulla sua ulteriore carriera nel trading. Il trader inizia a pensare che non ha affatto bisogno di un sistema di trading, perché può prendere decisioni migliori non basate su segnali. In questo caso il trader inizia a fare trading basandosi sulle proprie conclusioni e la fiducia nelle opportunità del sistema di trading svanisce completamente. La fiducia nella propria stima si trasforma in arroganza. Errori commessi: iniziare a fare trading senza segnale.

3. Il trader inizia a fare trading, sebbene la situazione del mercato mostri potenziali perdite. Risultato del trading: negativo, perdite di denaro. Lezioni apprese: il trader inizia a riconsiderare la sua strategia di trading, e la prossima volta ci penserà due volte prima di entrare nel mercato e fare trading, mentre non c'è stato alcun segnale ricevuto dal sistema. Il trader penserà: "È meglio entrare nel mercato quando il mio sistema dà un segnale rilevante, solo queste sessioni di trading hanno un'alta probabilità di ottenere profitti". Pertanto, il trader inizia a fidarsi maggiormente del sistema di trading. Errori fatti: entrare nel mercato senza segnale.

Come puoi vedere, non c'è correlazione tra il risultato del trading e gli errori commessi. Anche quando vengono commessi gli errori più critici, il risultato può essere un profitto, tuttavia può anche essere l'inizio della fine della carriera di un trader. Come accennato in precedenza, gli errori possono essere correlati solo alla violazione delle regole di trading.

Tutti gli errori sopra descritti sono direttamente collegati ai segnali del sistema di trading e alle decisioni di un trader su ulteriori azioni.

La maggior parte degli errori può essere evitata se viene creato un piano di trading. Questo piano è costituito da criteri che utilizziamo quando prendiamo decisioni sull'ingresso nel mercato o sul rimanere fuori dal mercato, e include anche un piano di gestione del denaro, cioè la decisione su una somma da rischiare. In secondo luogo, e il più importante: dovremmo seguire rigorosamente il piano stabilito, poiché lo abbiamo creato prima di tutte le possibili barriere psicologiche che sarebbero diventate presenti quando si inizierà a fare trading.

Come affrontare gli errori?

Esistono numerosi metodi, eccone solo uno.

Passaggio 1: ogni errore aiuta ad acquisire una preziosa esperienza. Cerca di evitare emozioni di delusione che sorgono naturalmente e tratta gli errori dal lato positivo. Invece di entrare nella depressione, dì a te stesso: “OK, ho fatto qualcosa di sbagliato. Che cosa ho sbagliato esattamente? "

Passaggio 2: definisci esattamente quali errori hai commesso e quali sono stati i motivi alla base. Comprendere la natura di un errore aiuterà a evitare un errore identico in futuro. Molto spesso troverai un errore dove molto improbabile ti aspettavi di vederlo. Prendi, ad esempio, un trader che non segue un sistema di trading per paura di subire perdite. Ma perché ha paura? Probabilmente perché questo sistema non gli si adatta bene. Come puoi vedere dall'esempio, la ragione di un errore non sta in superficie, e in questi casi è importante andare alla radice della questione.

Passaggio 3: valuta le conseguenze di un errore, compila un elenco di conseguenze, sia positive che negative, e analizzale.

Passaggio 4: intraprendi azioni. Le azioni calcolate sono l'ultimo e il più importante passaggio. Per imparare a compiere azioni ponderate, probabilmente dovresti cambiare il tuo modo di comportarti tradizionale. La comprensione degli errori, la loro analisi e le azioni rilevanti sono piccoli, ma sono comunque passi verso il successo. Forse sarà necessario riconsiderare il tuo sistema di trading e sceglierne un altro, il più ottimale per te, in modo che in futuro tu possa fidarti completamente dei suoi segnali.

La consapevolezza che le conseguenze di una qualsiasi sessione di trading non hanno nulla in comune con gli errori commessi ti aprirà nuove opportunità, nelle cui cornici potrai comprendere la vera interiorità di ogni errore. La strada per il successo nel mercato finanziario è complicata e lunga, il processo di correzione degli errori e i tentativi di non ripeterli richiede molto tempo.

Il modo in cui affrontiamo questo processo ci aiuta a costruire il nostro futuro come trader - e ciò che è più importante - come una forte personalità.


Psicologia del Forex: impara a mantenere il confine tra un piano di trading e esplosioni emotive


Molte organizzazioni che forniscono istruzione nel trading sul Forex ignorano l'aspetto più importante del mercato: la natura umana.

Puoi trovare facilmente molti grafici, punti pivot, medie mobili, linee di tendenza e livelli di Fibonacci e anche sviluppi all'avanguardia nell'autotrading. Qualsiasi sito web dedicato al Forex pubblica i dati necessari a un trader, con milioni di notizie, interviste, previsioni e opinioni.

Puoi persino trovare segnali di ingresso e uscita dal mercato, linee di supporto e resistenza e utilizzarli come aiuto efficace per prendere decisioni nel processo di trading. Non c'è dubbio che tutto questo impressiona i novizi nelle prime fasi. Pertanto, la possibilità di ottenere perdite e di voler ridurre i rischi motiva la maggior parte dei trader più o meno esperti a cercare metodi aggiuntivi che aiutino a fare trading in modo efficace.

Se ti rendi conto dell'importanza di avere un piano di trading per ogni sessione di trading che stai per portare avanti, allora dovresti avere familiarità con la sensazione di dubbio, quando dopo aver aperto una posizione il mercato inizia a cambiare improvvisamente, influenzando sia le tue emozioni che te stesso -stima.

Sei decisamente arrabbiato?

Mentre osservi il mercato che si muove contro qualsiasi logica, le tue emozioni iniziano a spingerti a cambiare completamente le posizioni inizialmente scelte e ignori il tuo piano di trading costruito in anticipo.

D'altra parte, tutti i tuoi materiali didattici, video e colleghi insistono di comune accordo sul ruolo fondamentale di un piano di trading - e non puoi sbarazzarti di questo assioma.

I veri professionisti dovrebbero imparare ad ascoltare il loro "io interiore" - la loro incoscienza. La nostra mente è in grado di conservare immense quantità di dati. Usiamo i nostri cinque sensi tutto il tempo, poiché aiutano ad arricchire la nostra esperienza di vita. Mentre la nostra incoscienza lavora verso tutti gli aspetti della nostra vita, la mente cosciente ha solo una capacità limitata e viene solitamente utilizzata da noi per risolvere le attività quotidiane comuni.

Quando facciamo trading, tutta la nostra esperienza è concentrata in profondità nella nostra mente e lentamente costruisce qualcosa che alcune persone chiamano un "analista invisibile", e altri - il sesto senso.

Sebbene le caratteristiche principali del mercato Forex siano la sua volatilità e l'80% dei trader non mantiene aperte le posizioni di mercato per più di 2-3 giorni, poiché la maggior parte sono trader giornalieri, è facile capire che le condizioni di mercato cambiano al velocità fulminea, quindi la creazione di un piano di trading può essere considerata una procedura antiquata.

L'unico metodo per attenuare il conflitto tra le emozioni e la mente è imparare come ottenere le giuste priorità. I novizi non hanno abbastanza esperienza emotiva e non riescono a sentire qualcosa di connesso ai processi di mercato, quindi si consiglia loro, prima di tutto, di affidarsi ai meccanismi di un piano di trading.

Per implementarlo nella pratica, concediti il ​​tempo per studiare l'arte dell'interpretazione dei grafici, preparati al lavoro studiando in anticipo il calendario economico ei suoi dati, impara a costruire un piano di trading esaustivo. Dopo che è stata presa una decisione di trading, non cambiarla, qualunque cosa accada. In questo caso dovresti comportarti come un robot mentre implementi la tua strategia di trading. Non dovrebbe esserci posto qui per le tue emozioni.

Nel corso del tuo sviluppo professionale, nel tempo, il tuo “analista invisibile” inizierà a regolare le tue decisioni di trading, essere presente e prendere parte al processo lavorativo. Ora è giunto il momento di creare uno spazio separato per le emozioni che aiuterà a sentire il mercato. Usare le emozioni nel processo di negoziazione in dosi, combinando le componenti emotiva e razionale, ma non mescolandole, dimostra professionalità e aiuta a ottenere risultati di trading ottimali.


Verità fondamentale sul trading


1. Studia i fondamenti del trading Forex. È incredibile quante persone semplicemente non capiscono cosa fanno. Per raggiungere un livello veramente alto nel business chiamato "trading" e diventare uno dei pochi trader di successo, dovresti essere ben istruito in questo tipo di attività che hai scelto per te stesso. Ciò non significa che devi conseguire un diploma in una delle università più prestigiose: al mercato non importa dove hai studiato. L'importante è la qualità della tua istruzione.
2. Non c'è niente di più ampio del mercato
3. L'arte non è essere nel mercato, ma la capacità di leggerlo. "Sellare" un'onda è molto più preferibile che caderne vittima.
4. Fare trading con il trend è molto più preferibile che lavorare sul picco o sul fondo del mercato.
5. Esistono almeno 3 tipi di mercato: ascendente, laterale e discendente. Scegli strategie diverse per lavorare su ciascuna di esse.
6. Non comprare sul mercato rialzista, non vendere su quello ribassista.
7. Lascia che il profitto cresca e riduci le perdite.
8. Lascia che il tuo profitto cresca, ma non lasciare il posto alla tua avidità. Non appena ottieni profitti elevati, diversificalo, lasciando solo una quota per una nuova sessione di trading. È naturale sperare che un singolo accordo finisca con un super profitto, ma è abbastanza lontano dalla realtà. Non tenere una posizione aperta troppo a lungo e non investire tutti i profitti guadagnati nel mercato senza un saldo residuo.
9. Utilizzare arresti di protezione per limitare le perdite.
10. Usa sempre gli ordini di stop loss e non lasciare mai che le tue perdite crescano sperando che la situazione cambi. Di solito una tale politica aumenta anche l'ammontare delle perdite finanziarie. Vincerai qualcosa, ma perderai anche qualcosa. Esamina il motivo delle tue perdite e continua a lavorare. Fai diventare l'abitudine di definire un livello accettabile di profitto e rischi in anticipo, prima di entrare nel mercato.
11. Evitare di impostare arresti di protezione su figure rotonde. Gli arresti protettivi per le posizioni lunghe dovrebbero essere impostati sotto i numeri interi (10, 20, 25, 50,75, 100) e per quelli corti - sopra di essi.
12. L'impostazione degli stop loss è un'arte. Un trader dovrebbe combinare fattori tecnici sui grafici dei prezzi con i principi di gestione del denaro.
13. Analizza le tue perdite. Impara da loro. Queste sono ovviamente lezioni piuttosto costose per te. Quindi la maggior parte dei trader non impara dai propri errori solo perché non gli piace pensarci.
14. Tratta tutti i problemi che sorgono con calma: la tua prima perdita è la tua minima perdita.
15. Continua il tuo lavoro. Nel Forex, coloro che rimangono nel mercato per un periodo piuttosto lungo, hanno finalmente la possibilità di un grande guadagno grazie a significativi movimenti di mercato.
16. Se sei un principiante, inizia a lavorare con mini-account e continua a lavorare con loro per almeno un anno - così sarai in grado di analizzare i tuoi successi e fallimenti senza perdere grandi somme di denaro.
17. Non iniziare a fare trading con gli ultimi fondi disponibili. Assicurati di avere fondi sufficienti per il trading sul tuo conto e non rimarrai senza soldi non appena il mercato si muoverà temporaneamente contro di te.
18. Sii più imparziale e meno emotivo.
19. Utilizzare attivamente i principi di gestione del denaro.
20. Diversificare, ma non esagerare.
21. Non fidarti del trading d'impulso: abbi sempre un piano.
22. Dovresti sempre avere obiettivi definiti formulati.
23. Cinque passaggi per la creazione di un sistema di trading:
1. Inizia con un'idea generale.
2. Trasformalo in un insieme di determinate regole.
3. Controlla tutto sui grafici.
4. Prova il sistema su un account demo.
5. Stimare i risultati.
24. Pianifica il tuo lavoro e lavora sul piano di trading.
25. Commercia secondo il piano, rifiuta la paura, l'avidità e la speranza. Definisci in anticipo quando stai per entrare nel mercato, quale somma sei pronto a rischiare ea quale punto hai intenzione di prendere profitto.
26. Segui rigorosamente il tuo piano. Se hai aperto una posizione e hai scelto un livello di stop loss, non cambiare la tua decisione prima che lo stop abbia funzionato o che ci siano ragionevoli motivi di natura fondamentale che richiedono cambiamenti immediati.
27. Qualsiasi strategia di trading dovrebbe tenere conto di 3 fattori importanti: una previsione del prezzo, tempistica e gestione del denaro. Una previsione dei prezzi mostra quali tendenze sono presenti nel mercato. La tempistica definisce i punti di entrata e di uscita e la gestione del denaro - somme da utilizzare nel trading.
28. I sistemi di scambio che funzionano efficacemente in un mercato in ascesa, possono dare segnali sbagliati in un mercato in discesa.
29. Controlla tutto almeno due volte.
30. Pensa sempre alle "possibilità", poiché tutto ciò che è connesso al trading non esiste a livello di garanzia, ma solo a livello di probabilità. Puoi prendere le decisioni "giuste", ma vedi il mercato che si muove contro di te. Non aspettarti che non ci saranno fallimenti; i fallimenti sono parte integrante del lavoro di qualsiasi trader e non possono essere evitati.
31. Fai trading solo utilizzando una strategia che consideri ottimale per le tue esigenze personali.
32. Controlla i tuoi rischi:
1. Non rischiare più del 3-4% del tuo capitale quando apri una posizione.
2. Definire il punto di ingresso prima di entrare nel mercato.
3. Se perdi una somma predeterminata, finisci di fare trading, analizza i motivi del fallimento, fai una pausa e torna sul mercato solo quando ti senti sicuro.
33. Rispondi onestamente a te stesso: cosa vuoi ottenere dal trading?
34. Evita una situazione di richiesta di margine.
35. Chiudi le tue posizioni in perdita prima di quelle redditizie.
36. In primo luogo impara a fare trading in condizioni a lungo termine e solo dopo inizia a fare trading a breve termine.
37. Cerca di ignorare le opinioni consensuali. Non prendere troppo sul serio tutto ciò che dicono i mass media finanziari.
38. Impara a sentirti a tuo agio nell'essere in minoranza. Se hai davvero ragione, la maggior parte delle persone non sarà d'accordo con te (90% perdenti contro 10% di successo).
39. L'analisi tecnica è un'abilità che viene acquisita grazie all'esperienza e alla formazione continua. Cerca di sentirti sempre uno studente.
40. Attenzione alle informazioni non controllate. Aspetta che il mercato ti chieda se le informazioni ricevute erano corrette e, in caso affermativo, apri una posizione in un trend in formazione.
41. Compra pettegolezzi, vendi notizie.
42. La scelta del momento giusto è un fattore chiave nel trading sul Forex.
43. La strategia "Compra e aspetta" non è una strategia per il mercato Forex.
44. Quando apri un conto con un broker, considera non solo l'importo del deposito iniziale, ma anche il periodo di tempo durante il quale intendi fare trading. Questo ti aiuterà a salvare il tuo capitale ed evitare il principio di Las Vegas: "Farò trading finché non avrò finito i soldi". L'esperienza suggerisce che chi è in grado di lavorare a lungo nel mercato, alla fine ottiene profitti significativi.
45. Tieni un diario di trading. Registra costantemente in esso le informazioni sui prezzi di apertura, le variazioni di prezzo, i tuoi ordini di stop e anche le tue osservazioni personali. Leggi i record di tanto in tanto, usali per analizzare le tue azioni.
46. ​​Non esagerare.
47. Apri due account: reale e demo. Il processo di studio non termina nel momento in cui inizi a lavorare nel mercato reale. Usa l'account demo per testare strategie alternative.
48. Se sei superstizioso, non fare trading quando qualcosa ti preoccupa.
49. L'analisi tecnica sta studiando il mercato mediante l'uso di grafici allo scopo di prevedere le future variazioni di prezzo e le tendenze del mercato.
50. I grafici riflettono la natura "rialzista" o "ribassista" dell'attuale situazione di mercato.
51. L'obiettivo della creazione di grafici dei prezzi è definire le tendenze nelle prime fasi della loro creazione al fine di seguire la tendenza in via di sviluppo nel commercio.
52. L'analisi fondamentale studia le ragioni dei movimenti di mercato, tecnici - il loro effetto.
53. I trader si imbattono in tre opzioni di decisione: aprire una posizione lunga, corta o non fare nulla. In condizioni di mercato in ascesa è meglio scegliere la prima strategia. Se il mercato è in calo, il secondo sarà più efficace. Se c'è un movimento laterale nel mercato, la terza strategia - restare fuori dal mercato - è solitamente la decisione più saggia.
54. Più ampio è un modello, maggiore è il potenziale. La parola "più ampio" indica l'altezza e la larghezza di un modello di prezzo. L'altezza riflette la sua volatilità, la larghezza - la quantità di tempo necessaria per la sua piena formazione. Più grande è la dimensione di un modello, più significative sono le fluttuazioni di prezzo (volatilità) e più tempo richiede la sua formazione, più diventa importante e più sostanziale è il potenziale per ulteriori movimenti di prezzo.
55. Ricorda che due punti sono sempre necessari per disegnare una linea di tendenza.
56. Una media mobile è solo una reazione. Questo indicatore segue il mercato e segnala una tendenza, ma solo dopo la sua proiezione.
57. Quando il prezzo di chiusura supera la media mobile, questo è un segnale per l'acquisto. Un segnale per vendere è il movimento del prezzo inferiore alla media mobile.
58. Il supporto e la resistenza sono gli strumenti grafici più efficaci utilizzati per l'ingresso e l'uscita dal mercato. Supporto e resistenza sono particolarmente utili per impostare gli stop loss.
59. Lo strumento finanziario che ha la maggiore correlazione con il dollaro americano rispetto ad altri nel mercato delle materie prime è l'oro. I prezzi dell'oro e del dollaro di solito si muovono in direzioni opposte.
60. Lo yen è estremamente sensibile alle variazioni di prezzo nel mercato delle materie prime, e anche a ciò che accade con l'indice Nikkei, ai cambiamenti nel mercato azionario giapponese e nel mercato immobiliare.

forex-trading-is.com


Copyright © forex-trading-is.com. All rights reserved.